Cesena-Santarcangelo 3-0

10 Febbraio 2019

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, sabato 9 febbraio 2019 ore 15. Ventiseiesima giornata, e settima di ritorno, del campionato di serie D, girone F.

La Curva Mare di Cesena-Santarcangelo (foto Rega/Cesena FC)

CESENA (4-3-2-1) Agliardi; Noce, Ciofi, Viscomi, Munari; Fortunato (25′ st Tonelli), De Feudis (7′ st Biondini), Campagna (24′ st Capellini); Tortori, Alessandro (17′ Zammarchi); Ricciardo (17′ De Angelis): A disp: Sarini, Marfella, Benassi, Andreoli, Biondini. All: Angelini

SANTARCANGELO (4-3-1-2): Battistini, Corvino (11′ st Aristei), Gabrielli, Bondioli, Fabbri; Dhamo (39′ st Guglielmi), De Cerchio (18′ Pescatore), Pigozzi (18′ st Falomi); Peroni; Bernardi, Guidi (39′ st Nasini). A disp: Ragone, Fuchi, Cingolani, Moroni. All: Galloppa

ARBITRO: Marino Rinaldi di Messina. Assistenti: Massimo Abagnale e Gianluca Maldini di Parma

RETI: 1′ pt Campagna (C), 10′ pt Tortori (C), 12′ st Fortunato (C)

NOTE: ammoniti De Feudis (C)

E’ il 9 febbraio, il giorno della Repubblica romana, uno dei rari sussulti di laicità in un Paese da sempre assoggettato ai sacri gonnelloni. Una festa molto sentita qui in Romagna e che il Cesena festeggia con una squillante vittoria sui cugini del Santarcangelo. Non Mazzini-Armellini-Saffi ma Campagna-Tortori-Fortunato: è questo il triumvirato che regala la vittoria al Cavalluccio sempre più vicino a uscire dall’oscurantismo della quarta serie, non meno opprimente di quello clericale di Pio IX. In attesa dell’impegno di domani da parte dei marchigiani, i punti di vantaggio sul Matelica tornano ad essere 11. Poi mercoledì per i bianconeri ci sarà il derby a Forlì mentre domenica 17 al Manuzzi arriverà la Jesina. A quel punto mancheranno 10 giornate al termine del campionato e si potrà già cominciare a fare una botta di conti (fonte: TuttoCESENA).

Technorati Tags: , , , , , ,

Francavilla-Cesena 1-2

4 Febbraio 2019

Francavilla, stadio comunale Valle Anzuca, domenica 3 febbraio 2019 ore 14,30. Venticinquesima giornata, e sesta di ritorno, del campionato di serie D, girone G.

Cesenati a Francavilla (foto Rega/Cesena FC)

FRANCAVILLA: (4-3-3) Spacca; Di Renzo S. (37′ st Boloca), Cafiero, Bosco, Di Renzo A.; Bellanca (44′ st Di Giovacchino), Milizia, Mele; Montagnoli (32′ st Gallo), Dos Santos, Mancini (24′ st Fabrizi). A disp: Natale, Talucci, Paravati, Di Pinto, Mboup. All: Rachini

CESENA (4-3-1-2) Agliardi; Noce, Ciofi, Viscomi, Valeri; Tola (43′ st Rutjens), De Feudis, Campagna (16′ st Munari); Tortori (24′ st Tonelli); Ricciardo, Alessandro. A disp: Sarini, Marfella, Zamagni, Zammarchi, Capellini, De Angelis. All: Angelini

ARBITRO: Simone Taricone di Perugia. Assistenti: Dario De Cristofaro di Rovereto e Matteo Pressato di Latina

RETI: 15′ pt Ricciardo (C), 11′ st Dos Santos (F), 39′ st Valeri (C)

NOTE: ammoniti Bosco (F), Valeri (C), Ciofi (C), Cafiero (F), Gallo (F)

Missione compiuta. Il Cesena espugna il campo del Francavilla, squadra finora imbattuta in casa, e prosegue la sua corsa verso la Serie C. Dopo aver subito il pareggio da parte di Dos Santos nell’unica conclusione degli abruzzesi fino a quel momento, i bianconeri non fanno molto per tornare in vantaggio e sembrano quasi accontentarsi del pari. Anzi, a tratti devono contenere le sfuriate dei giallorossi, più generosi che incisivi. Poi, improvvisa come il gol del brasiliano, arriva la rete che decide l’incontro. Fa quasi tutto Spacca, il portiere del Francavilla: prima rinvia malamente sui piedi di Ricciardo che viene abbattuto e guadagna una punizione per il Cavalluccio. Poi, sulla conclusione dell’esterno romano si tuffa con la stessa reattività del Breznev del 1980 e regala i tre punti al Cesena. Avanti così verso l’unico e possibile obiettivo stagionale. Anche se la guardia non deve essere mai abbassata: il Matelica, seconda in classifica, oggi ha dilagato. Il vantaggio degli uomini di Angelini (con una gara in più) resta comunque abissale: più 11 punti. Si può stare relativamente tranquilli, insomma. Il nemico, come suggerisce il titolo di un fortunato film sulla battaglia di Stalingrado di cui ieri ricorreva la conclusione, non è alle porte ma alle spalle e non pare disporre di munizioni a lunga gittata. Ma non è ancora sconfitto (fonte: TuttoCESENA.it).

Technorati Tags: , ,

Olympia Agnonese-Cesena 1-2

30 Gennaio 2019

Termoli, stadio Cannarsa, mercoledì 30 gennaio 2019 ore 15. Recupero della ventunesima giornata, e seconda di ritorno, del campionato di serie D, girone F.

OLYMPIA AGNONESE (4-3-3): Maraolo (1′ st Kuzmanovic); Corbo, Mazzarani (66′ Salim), Ricciardi, Albanese; Cassese, Barbato, Salifu; Formuso, Nyang, Sorgente (1′ st Ancora). A disp: Litterio, Ballerini, Gentile, Diarra, Charty, Dezai Ange. All: Foglia Manzillo

CESENA (4-2-3-1) Agliardi; Marfella (80′ Noce), Ciofi, Benassi (18′ pt Viscomi), Valeri; De Feudis, Fortunato (58′ Tola); Munari, Tonelli (65′ Rutjens), Alessandro; Ricciardo (71′ De Angelis). A disp: Sarini, Campagna, Capellini, Tortori. All: Angelini

ARBITRO: Stefano Nicolini di Brescia. Assistenti: Mazzuoccolo e De Falco di Nola.

RETI: 4′ pt Fortunato (C), 16′ pt Ricciardo (C), 27′ st Valeri aut.

AMMONITI: 76′ Munari (C), 81′ Niang (O.A)

Il Cesena ottiene i tre punti al termine di una gara double face dove per oltre un’ora di gioco i bianconeri sono stati assoluti padroni del campo, trovando il doppio vantaggio in 15 minuti e spiccioli. Dal 60′ però inizia un secondo incontro, con i padroni di casa proiettati all’attacco e improvvisamente pericolosi e il Cesena rintanato nella sua area quasi incapace di reagire. Lo switch avviene al 65′ quando Angelini ordina il cambio Rutjens-Tonelli e comunica a Viscomi il passaggio ad un inedito 3-5-2; Sarà proprio lo spagnolo ad essere maggiormente in difficoltà nei minuti conclusivi. La squadra perde le distanze, le coperture saltano e la modesta Agnonese ne approfitta, trovando il goal della bandiera grazie ad una carambola di Valeri che insacca nella sua porta. Prestazione rivedibile anche per il redivido Marfella, troppo impreciso in fase difensiva e richiamato in panchina prima dello sprint finale. Bene Tonelli, Ricciardo e Fortuanato. Da valutare invece nelle prossime ore le condizioni di Benassi, uscito al 18′ lamentando un forte dolore alla coscia (fonte: tuttoCESENA.it)

Technorati Tags: , , , ,

Cesena-Sangiustese 1-1

26 Gennaio 2019

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, sabato 26 gennaio 2019 ore 14,30. Ventiquattresima giornata, e quinta di ritorno, del campionato di serie D, girone F.

CESENA (4-2-3-1): Agliardi; Noce, Ciofi, Benassi (28′ st Capellini), Valeri (28′ st Rutjens); Campagna (13′ st Munari), De Feudis; Fortunato (32′ st De Angelis), Tortori (13′ st Tonelli), Alessandro; Ricciardo. A disp: Sarini, Marfella, Viscomi, Tola. All: Angelini

SANGIUSTESE (4-2-3-1): Chiodini; Shiba, Scognamiglio, Moracci, Santagata; Perfetti, Camillucci; Argento (43′ st Tizi), Cerone, Pezzotti; Cheddira. A disp: Carnevali, De Reggi, Patrizi, Buaka, Massaroni, Kamara, Papavero, Pluchino. All: Senigagliesi

ARBITRO: Luigi Catanoso di Reggio Calabria. Assistenti: Castioni e Guarino di Novara

RETI: Cheddira (S) 35′ st, Munari (C) 52′ st

NOTE: ammoniti Benassi (C), De Feudis (C), Cerone (S), Rutjens (C), Scognamiglio (S), Cheddira (S)

Stavamo per titolare “Roba da Chiodini” perché il portiere della Sangiustese le aveva prese tutte e quando non c’era arrivato era stato salvato dalla traversa o da un compagno appostato sulla linea. Il Cesena le aveva provate tutte per pareggiare questa partita ma la porta degli ospiti pareva stregata. Poi, al settimo minuto di recupero, l’ultimo disperato assalto. Calcio d’angolo, mischione in area, la palla arriva a Munari che con una zampata rabbiosa la spedisce sotto la traversa facendo impazzire di gioia il Manuzzi. Salta quindi il record delle nove vittorie consecutive, il Cesena capolista si ferma a Otto e mezzo che comunque resta un capolavoro. E stavolta il regista non è neanche riminese (fonte: tuttoCESENA.it)

Technorati Tags: , , , ,

Sammaurese-Cesena 0-2

20 Gennaio 2019

San Mauro Pascoli, stadio Macrelli, domenica 20 gennaio 2019, ore 14,30. Ventitreesima giornata, e quarta di ritorno, del campionato di serie D, girone F.

CESENA (4-2-3-1): Agliardi 7; Noce 5,5, Ciofi 5,5,Viscomi 6,5, Valeri 6 (22′ st Rutjens 5,5); De Feudis 6,5, Campagna 6 (33’st Munari 6,5); Tortori 6 (27′ st Fortunato 7), Tonelli 6 (10′ st Biondini 6,5), Alessandro 6; Ricciardo 7. A disp: Sarini, Marfella, Benassi, Capellini, Mantovani. All: Angelini 8

SAMMAURESE (3-5-2): Baldassarri; Maioli, Rosini, Lombardi N.; Louati (41′ st Diop), Santoni (44′ st Errico), Sapucci (5′ st Buscè), Lombardi L (33′ st Merciari). Scarponi (36′ st Pieri); Zuppardo, Bonandi. A disp: Hysa, Sooumahin, Maggioli, Giua. All: Mastronicola

ARBITRO: Madonia di Palermo

RETI: 15′ pt Ricciardo (C), 43′ st Fortunato

Ottava vittoria consecutiva del Cavalluccio sempre più padrone del campionato. Complimenti però alla Sammaurese, protagonista di un ottimo derby: non a caso Agliardi ha dovuto salvare almeno un paio di volte i bianconeri. Quanto alle inseguitrici, il Matelica oggi si è rimesso in carreggiata ed ha travolto il Montegiorgio ma i punti di vantaggio del Cesena restano, ovviamente, dieci. Un’enormità (fonte: TuttoCESENA.it)

Technorati Tags: , , ,

Cesena-Matelica 2-1

16 Gennaio 2019

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, mercoledì 16 gennaio 2019 ore 15. Ventiduesima giornata, e terza di ritorno, del campionato di serie D, girone F.

Tutto il Cesena sotto la Curva (Foto Cesena FC/Rega)

CESENA (4-2-3-1): Agliardi; Noce, Ciofi, Viscomi, Valeri; Biondini, De Feudis; Munari (30′ Campagna), Alessandro (37′ st Tortori), Fortunato (20′ st Tonelli); Ricciardo (49′ st Capellini). A disp: Sarini, Marfella, Rutjens, Mantovani, Tola. All: Angelini.
MATELICA (4-3-3): (4-2-3-1) Avella; Visconti, De Santis, Benedetti, Riccio; Lo Sicco, De Marco (13′ st Pignat); Angelilli (42′ st Bittaye), Melandri (30′ st Margarita), Florian (30′ st Dorato); Bugaro (13′ st Cuccato). A disp: Luglio, Demoleon, Favo, Mancini. All: Tiozzo.
ARBITRO: Antonino Costanza di Agrigento. Assistenti: Antonio D’Angelo e Leonardo Brizioli di Perugia

RETI: 38′ pt Ricciardo (C), 6′ st Florian (M), 26′ st Viscomi (C)

NOTE: ammoniti Benedetti (M), Bugaro (M), Cuccato (M), Lo Sicco (M). Espulso Benedetti (M). 

Nella sua lunga storia il Cesena è stato diverse volte campione d’inverno. Quante, precisamente, saranno gli esperti di statistiche a dirlo, noi non siamo in grado. Tuttavia ci sentiamo di azzardare un dato che costituisce anche una previsione: per la prima volta il Cavalluccio è anche campione IN inverno. Eh già, perché i bianconeri dopo questa partita hanno la promozione in tasca. La settima vittoria consecutiva rafforza il primato e vale i 10 punti di vantaggio proprio sul Matelica, l’avversario di oggi. Difficile pronosticare un crollo in questi ultimi mesi. Se poi anche i migliori, come è successo oggi ad Agliardi, dovessero sbagliare clamorosamente e non dimostrarsi all’altezza per un improvviso infortunio, ci potrà essere sempre qualcuno a metterci una pezza: l’organico è di qualità, il migliore del girone e, probabilmente, dell’intera Serie D. Così l’errore del portierone bianconero che ha propiziato il pareggio dei marchigiani è stato prontamente corretto dalla spaccata vincente di Viscomi. Meravigliosa poi l’esultanza del difensore che si è fatto tutto il campo ed è corso proprio verso il numero 1, indicandolo. “L’ho fatto perché so che cosa si prova quando si sbaglia”, ha detto Viscomi a fine partita. Onore comunque al Matelica che, dopo un primo tempo gagliardo, non ha mollato neanche in 10 contro 11. Questa squadra meriterebbe un’avventura fra i professionisti: il suo unico “difetto” è quello di avere sbagliato annata e di essersi trovata davanti un intruso per la D, il Cesena appunto (fonte: TuttoCESENA.it).

Technorati Tags: ,

Cesena-Avezzano 3-1

6 Gennaio 2019

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, domenica 6 gennaio 2019 ore 14,30. Ventesima giornata, e prima di ritorno, del campionato di serie D girone F.

La Curva Mare contro l’Avezzano (foto Rega/Cesena FC)

CESENA (4-3-3): Agliardi; Noce, Benassi, Rutjens, Ciofi; Campagna (11′ st Munari), De Feudis (24′ st Valeri), Fortunato; Tonelli (15′ st Biondini), Ricciardo (29′ st Capellini), Alessandro (27′ st Tortori). A disp: Sarini, Marfella, Mantovani, Tola. All:Angelini

AVEZZANO (4-3-2-1): Fanti; De Roccis, Ferrante, Di Gianfelice (1′ st Di Renzo), Di Nicola; Tarluc, Grazioso (41′ pt Conti), Kras (32′ st Chirilov); M. Besana (27′ st Puglielli), Manari; Dosa (1′ st Fulvi). A disp:Sinato, Russo, Pierantozzi, Mulham. All: Giampaolo.

ARBITRO: Giuseppe Vingo di Pisa. Assistenti: Cesarano di Castellammare di Stabia e Camillo di Salerno.

RETI: 10′ pt Manari (A), 43′ pt Ricciardo (C), 46′ pt Alessandro, 23′ st Alessandro (C)

NOTE: ammoniti Fanti (A), Di Gianfelice (A), Benassi (C), Fortunato (C), Rutjens (C)

La Befana ha portato in dono al Cesena la sua scopa: adesso gli uomini di Angelini volano alto. Con l’Avezzano arriva la sesta vittoria consecutiva e, complice il ko del Matelica con la Vastese, adesso i punti di vantaggio sulla seconda sono sette. Alessandro e Ricciardo, che hanno deciso il match, sono sempre di più la coppia del gol del girone F della Serie D: 9 reti per il romano, 11 per il siciliano. Numeri impressionanti uniti a un organico da categoria superiore che, nonostante le cautele del caso, fanno sorgere un dubbio: il campionato è già finito? Probabilmente già dopo il 16 gennaio, data dello scontro diretto con il Matelica, si potrà rispondere con una certa approssimazione a questa domanda. Per ora ce la godiamo, oh come ce la godiamo. 

RISULTATI DI OGGI: Cesena-Avezzano 3-1, Savignanese-Santarcangelo 2-1, Notaresco-Castelfidardo 1-0, Montegiorgio-Sammaurese 1-0, Pineto-Francavilla 0-0, Jesina-Recanatese 0-0, Vastese-Matelica 2-1, Real Giulianova-Olympia Agnonese rinviata, Campobasso-Sangiueste rinviata, Isernia-Forlì rinviata. 

CLASSIFICA: Cesena 47, Matelica 40, Pineto 33, Recanatese 33, Sangiustese 33, Notaresco 33, Francavilla 31, Vastese 26, Montegiorgio 26, Sammaurese 25, Savignanese 24, Real Giulianova 24, Campobasso 21, Santarcangelo 21, Jesina 20, Forlì 19, Avezzano 18, Agnonese 17, Isernia 17, Castelfidardo 12.

Fonte: TuttoCESENA.it

Technorati Tags: , , ,

Cesena-Real Giulianova 2-0

22 Dicembre 2018

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, sabato 22 dicembre 2018 ore 20,30. Diciannovesima giornata, e ultima di andata, del girone F del campionato di serie D.

La Curva Mare contro il Giulianova (foto REGA per Cesena FC)

CESENA (4-3-3) Agliardi; Noce, Benassi, Rutjens, Ciofi (34′ st Marfella); Fortunato (26′ st Biondini), De Feudis, Campagna; Tortori (31′ st Tonelli), Ricciardo, Alessandro (40′ st Capellini). All. Angelini. A disp: Sarini, Viscomi, Mantovani, Tola, Andreoli.
REAL GIULIANOVA (4-3-1-2) Mazzocchetti; Del Grosso, De Fabritiis, Ferrini, Lenart; Monaco (14′ st D’Adamo), Torelli (33′ st Fazzini), Antonelli (1′ st Balducci); Napolano (14′ st Barlafante), Tozzi Borsoi, Di Paolo. All: Stallone. A disp: Pica, Gori, Fuschi, Crisci, Pierabella.
ARBITRO Catallo di Frosinone. ASSISTENTI Spina di Palermo e Danese di Trapani.

Il Cesena supera il Real Giulianova e chiude il 2018 in vetta alla classifica. La rete di Biondini va a suggellare quella che sino a quel momento era una bella serata, rendendola magnifica. La sua esultanza scalda i cuori dei presenti, in questa notte di rigido inverno.
Dopo il fischio finale, i bianconeri si vanno a prendere gli applausi di tutto lo stadio, se lo meritano.
E, dopo i tanti rospi che abbiamo dovuto ingoiare quest’anno, ce lo meritiamo anche noi. Buon Natale! (Fonte TuttoCESENA.it)

Technorati Tags: , , ,

Castelfidardo-Cesena 0-1

16 Dicembre 2018

Castelfidardo, stadio Galileo Mancini, domenica 16 dicembre 2018. Diciottesima giornata del campionato di serie D, girone F.

Ricciardo al tiro sotto lo sguardo dei tifosi bianconeri assiepati su di una collinetta al di fuori del perimetro del Galileo Mancini (Foto Rega, Cesena FC)

CASTELFIDARDO: (4-3-1-2) Barbato; Bellucci, Giovagnoli, Enow, Massi; D’Ercole, Di Lollo, Bracciatelli (22′ st Severini); Trillini; Petrarulo (43′ st Diouf), Calabrese. A disp: Fabiani, Lombardo, Tiriboco, Eliantonio, Recanatini, Bandanera, Marino. All: Vagnoni

CESENA: (4-3-3) Agliardi; Noce, Benassi, Ciofi, Marfella (33′ st Andreoli); Tola, Campagna, Fortunato; Tonelli (15′ st Tortori), Ricciardo, Alessandro (33′ st Viscomi). A disp: Sarini, Poggi, Biondini, Zamagni, Pastorelli, Capellini. All: Angelini

ARBITRO: Giacomo Monaco di Termoli. Assistenti: Alberto Colonna di Vasto e Marco Croce di Nocera Inferiore

RETE: 15′ pt Alessandro (C) 

NOTE: ammoniti Benassi (C), Campagna (C)

Alla fine il Cesena porta via i tre punti ma che sofferenza: contro il Castelfidardo è sufficiente un gol di Alessandro ma non è stato facile come poteva sembrare alla vigilia. Il fanalino di coda infatti ha dato filo da torcere ai bianconeri e solo un miracoloso Agliardi ha evitato il pareggio. Il portierone offre quindi simbolicamente il panettone ad Angelini che nelle scorse settimane aveva scherzato sulla sua permanenza in panchina. Le occasioni per chiudere l’incontro non sono mancate ma anche i marchigiani ne hanno avute un paio nitide e questo deve fare riflettere per il futuro: dietro c’è ancora qualcosa da rivedere e anche in attacco serve più determinazione. Quel che è più importante però è l’inaspettata sconfitta del Matelica contro quel Campobasso che aveva già fatto penare i bianconeri al Manuzzi. Con questo ko, il terzo in poche settimane, i marchigiani cedono il passo al Cesena. Salutate la capolista! (fonte TuttoCESENA.it)

Technorati Tags: , , ,

Cesena-San Nicolò Notaresco 3-2

12 Dicembre 2018

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, mercoledì 12 dicembre 2018 ore 20,30. Diciassettesima giornata del campionato di serie D, girone F.

La Curva Mare contro il San Nicolò Notaresco (foto Rega/Cesena FC)

CESENA (4-2-3-1): Agliardi; Noce, Ciofi, Benassi, Valeri (30′ st Poggi); Campagna (50′ st Andreoli), De Feudis; Tortori (26′ st Capellini), Fortunato (17′ st Tonelli), Alessandro (47′ st Viscomi); Ricciardo. A disp: Sarini, Tola, Zamagni, Pastorelli.. All: Angelini.
SAN NICOLÒ NOTARESCO: Monti; Fabriani, Salvatori, Dalmazzi (45′ st Dalmazzi), Mozzoni (5′ st Sieno); Candellori, Blando, Bontà; Liguori (23′ st Laringe), Minella (37′ st  Manari), Moretti. A disp: D’Ostilio, Di Stefano, Fiscaletti, Ruçi, Leonzi, Marcelli. All: Antognozzi.
ARBITRO: Emmanuele di Pisa. ASSISTENTI Besozzi di Sondrio e Agostino di Sesto San Giovanni.
RETI: 11′ pt Ciofi (C), 15′ pt Minella (N), 23′ pt Salvatori (N), 46′ pt Tortori (C), 44′ st Benassi (C).
AMMONITI: Ciofi (C), Salvatori (N), De Feudis (C), Moretti (N).

È finita e il Cesena ha vinto, e il Matelica resta a +1. E per la prima volta nel corso di questa stagione i ragazzi di Angelini riescono a battere una formazione di alta classifica: prima di stasera solo un pareggio e tre sconfitte. Bene, anzi benissimo, ma le buone notizie finisco qui. Ora le cattive: la difesa bianconera è tutt’altro che impeccabile: per la seconda volta nel corso di questo campionato concede due gol nel corso della stessa partita e a più riprese è andata vicina a subire il terzo. Per la prima volta nella storia del neonato Cesena FC i bianconeri subiscono una rimonta, pur parziale: non era mai successo di andare avanti e ritrovarsi poi ad inseguire. Dal punto di vista del gioco gli abruzzesi hanno dominato e persino il pareggio sarebbe andato stretto al San Nicolò Notaresco: eppure il Cesena è stato bravo a trovare i guizzi vincenti pur senza dominare dal punto di vista tattico. Infine da segnalare l’infortunio a Valeri che potrebbe essere di natura muscolare e non banale e la sicura squalifica di De Feudis, diffidato e ammonito. Per stasera però godiamoci i tre punti ma consapevoli che c’è ancora tantissimo da lavorare per restare in scia al Matelica (fonte TuttoCESENA.it).

Technorati Tags: , , , , , ,