Cesena-Ascoli 0-2

24 settembre 2017

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, domenica 24 settembre 0re 17,30. Quinta giornata del campionato di serie B Conte.it.

CESENA (3-5-2): Fulignati; Rigione, Esposito, Scognamiglio; Dalmonte (30′ st Sbrissa), Kone, Laribi, Di Noia (20′ st Fazzi), Mordini; Jallow (34′ st Gliozzi), Cacia. A disp.: Agliardi, Melgrati, Eguelfi, Schiavone, Moncini, Panico, Donkor, Kupisz,  Setola. All.: Camplone.

ASCOLI (4-3-3): Lanni; Mogos, Padella, Gigliotti, Mignanelli (22′ st Pinto); Carpani, Buzzegoli, Bianchi; Lores Varela, Favilli (45′ st Rosseti), Baldini. A disp.: Venditti, Ragni, De Santis, De Feo, Parlati, Addae, Cinaglia, Florio, Clemenza. All.: Fiorin.

ARBITRO: Illuzzi di Molfetta.

AMMONITI: Mordini, Padella, Di Noia, Gigliotti, Scognamiglio.

RETI: 39′ st Lores Varela, 42′ st Baldini.

Finisce qui, con l’ennesima umiliazione di questa stagione. Il Cesena non esiste, il Cesena non è squadra. Non c’è nulla da dire e soprattutto, cosa ancor più grave, non c’è praticamente nulla da sperare. La squadra di Camplone ha perso 2-0 in casa, ovvero piuttosto nettamente, con una delle più scarse squadre della serie B. Che soffrirà fino all’ultima giornata per non retrocere. Che invidia, beati loro (fonte: TuttoCesena.it).

Technorati Tags: , , , ,

Cittadella-Cesena 4-0

19 settembre 2017

Cittadella, stadio Tombolato, martedì 19 settembre 2017 ore 20,30. Quinta giornata del campionato di serie B Conte.it.

CITTADELLA (4-3-1-2) Paleari; Salvi, Varnier, Pelagatti, Pezzi (22′ st Benedetti); Settembrini, Iori, Pasa (22′ st Bartolomei); Schenetti; Litteri, Kouame (34′ st Arrighini). A disp: Corasaniti, Iunco, Chiaretti, Caccin,  Siega, Adorni, Camigliano, Bizzotto. All. Venturato

CESENA (3-5-2) Fulignati; Rigione, Cascione (1′ st Esposito), Scognamiglio; Fazzi, Sbrissa (1′ st Panico), Laribi, Schiavone, Eguelfi; Gliozzi (32′ st Moncini), Jallow. A disp: Agliardi, Melgrati, Mordini, Cacia, Maleh, Kupisz, Kone, Farabegoli, Di Noia. All. Camplone

ARBITRO: Pillitteri di Palermo. Assistenti: Cangiano di Napoli, Bresmes di Bergamo. Quarto uomo: Ayroldi di Molfetta.

RETI: 8′ pt Kouame, 25′ pt Salvi, 44′ pt  Kouame, 33′ st Iori su calcio di rigore

NOTE: ammoniti Pezzi, Pelagatti (Ci), Jallow (Ce)

Se qualcuno si era fatto delle illusioni dopo la squillante vittoria contro l’Avellino, il poker subito questa sera a Cittadella lo riporta immediatamente sulla terra: il Cesena fa fatica e, a occhio e croce, dovrà farne ancora tanta prima di trovare identità, sicurezze e gioco. Da una parte una squadra, quella granata, già rodata che fraseggia, aggredisce e finalizza; dall’altra il Cesena con molti ragazzi nuovi e che ha serissimi problemi nella manovra. Sono più i palloni sparati a caso in avanti che altro. La speranza, evidentemente, è che Jallow si inventi qualcosa ma in assenza di Cacia (tenuto in panchina probabilmente per farlo rifiatare in vista di domenica) è durissima. Restano le incertezze difensive e le amnesie a centrocampo, già evidenziate nei turni precedenti. Troppo forte il Cittadella o scarso il Cesena? Dopo cinque turni è difficile rispondere a questa domanda. Intanto incassiamo questo bel bagno di umiltà, questo 4-0 che fa male e che imbarazza al di là del risultato (come commentare altrimenti gli 11 tiri in porta e i 9 fuori da parte dei veneti?) e proiettiamoci verso il posticipo di domenica prossima quando al Manuzzi scenderà in campo l’Ascoli, penultimo a 3 punti. Il Cesena ha un solo mattoncino in più e parlare di prima sfida salvezza non appare prematuro. L’augurio è quello di rivedere Cacia in campo dal 1′ con la voglia di castigare la sua ex squadra e, soprattutto, quei dirigenti che, come dire?, gli hanno reso l’estate difficile (fonte TuttoCesena.it). 

Technorati Tags: , , ,

Cesena-Avellino 3-1

15 settembre 2017

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, martedì 15 settembre ore 21. Quarta giornata del campionato di serie B Conte.it

CESENA (3-5-2) Fulignati; Cascione, Rigione, Scognamiglio; Fazzi, Sbrissa (26′ st Schiavone), Laribi, Di Noia (33′ st Kupisz), Mordini; Cacia (31′ st Gliozzi), Jallow. A disp: Agliardi, Melgrati, Eguelfi, Moncini, Panico, Maleh, Farabegoli, Setola. All: Camplone.

AVELLINO (4-4-1-1) Lezzerini; Laverone, Suagher, Marchizza, Falasco; Molina, Di Tacchio, D’Angelo (13′ st Moretti), Bidaoui (1′ st Castaldo); Morosini (19′ st Kresic); Ardemagni. A disp: Radu, Iuliano, Pecorini, Camara, Ngawa, Lasik, Asencio, Paghera. All: Novellino.

ARBITRO: Baroni di Firenze. Assistenti: Chiocchi di Foligno e Vecchi di Lamezia Terme. Quarto uomo: De Remigis di Teramo.

NOTE: Ammoniti Cascione, Laribi, Sbrissa (C), DI Tacchio, Falasco (A). Espulso: Suagher (A). Spettatori: 11.393 di cui 9414 abbonati e 1979 paganti per un incasso di 19.294 euro + 35.175,51 euro (quota abbonati). Angoli: 4-3.

L’ultima vittoria in campionato aveva il sapore della primavera: il Cesena non conquistava i tre punti dalla trasferta di Trapani dello scorso 14 maggio mentre il successo in casa mancava dal 25 aprile (4-1 al Benevento). In una serata di fine estate il Cavalluccio ritorna a sognare liquidando l’Avellino con autorevolezza, smuovendo la classifica e cancellando anche l’imbarazzante zero nella casellina dei gol fatti dopo i primi tre turni. A parte qualche leggerezza in difesa, una prova convincente del collettivo con due uomini su tutti: Sbrissa (un gol e un assist) e lo straordinario Daniele Cacia, autore di una doppietta che lo proietta vicinissimo alla storia. Adesso per essere il miglior marcatore della storia della Serie B gli mancano solo due centri. Diciamo che alla prima da titolare ha già centrato il 50% degli obiettivi personali stagionali ma aggiungiamo pure che, se piove di quel che tuona, tutti avranno da togliersi delle belle soddisfazioni. Con un ‘killer’ così in avanti si può cominciare ad essere ottimisti. Se questo Avellino, che la scorsa settimana aveva travolto il Foggia è stato ridimensionato brutalmente, il Cavalluccio potrà dire la sua in un campionato lungo e difficile come quello di B. Avanti così (fonte TuttoCesena.it). 

Technorati Tags: , , , , , ,

Ternana-Cesena 1-0

10 settembre 2017

Terni, stadio Libero Liberati, sabato 9 settembre 2017 ore 15. Terza giornata del campionato di serie B Conte.it

TERNANA (4-3-1-2): Plizzari; Vitiello, Gasparetto, Valjent, Favalli; Defendi, Paolucci, Angiulli; Tiscione (39′ st Varone); Finotto (32′ st Carretta), Albadoro (18′ st Tremolada). A disp.: Bleve, Sara, Candellone, Marino, Bordin, Capitani, Franchini, Montalto. All.: Pochesci.

CESENA (3-5-2): Fulignati; Perticone, Rigione, Scognamiglio; Fazzi, Vita, Laribi, Di Noia (14′ st Schiavone), Eguelfi; Gliozzi (14′ st Cacia), Moncini (30′ st Panico). A disp.: Agliardi, Melgrati, Mordini, Cascione, Frabegoli, Setola, Kupisz, Maleh, Sbrissa. All. Camplone.

ARBITRO: Saia di Palermo.

RETE: 7′ pt Angiulli.

AMMONITI: Laribi, Vitiello, Schiavone.

Ternana modesta, Cesena inguardabile. Se il primo tempo aveva fatto sperare in qualcosa di meglio, visto che oltre al gol dei padroni di casa era arrivata una clamorosa traversa interna e un paio di buone occasioni, la ripresa è stata sconcertante. Dopo tre giornate ora anche la classifica parla chiaro: questo Cesena, insieme alla Pro Vercelli, è la più seria candidata all’ultimo posto (fonte TuttoCesena.it).

Technorati Tags: , , , , , , , , ,

Cesena-Venezia 0-0

3 settembre 2017

Cesena, Dino Manuzzi Orgel Stadium, domenica 3 settembre 2017 ore 20,30. Seconda giornata del campionato di serie B Conte.it

CESENA (3-5-2): Fulignati; Perticone, Rigione, Scognamiglio; Kupisz, Vita, Laribi, Di Noia (27’st Sbrissa), Eguelfi; Gliozzi (21’st Cacia), Moncini (40’st Panico). A disp.: Agliardi, Melgrati, Mordini, Cascione, Fazzi, Schiavone, Maleh, Farabegoli, Setola. All. Camplone

VENEZIA (3-4-3): Russo (29’st Vicario); Andelkovic, Modolo, Domizzi; Zampano, Suciu, Bentivoglio, Del Grosso; Moreo (43’st Signori), Zigoni (35’st Marsura), Falzerano. A disp.: Barlocco, Stulac, Soligo, Fabiano, Pinato, Fabris, Cernuto. All.Inzaghi

ARBITRO: Fourneau di Roma

AMMONITI: Eguelfi, Kupisz

Non è tutto da buttare. Dopo un primo tempo molto positivo però era lecito aspettarsi un gol, che non è arrivato. Anzi, il Venezia rispettando lo spartito di Inzaghi ha continuato ad essere minaccioso con il frizzante Falzerano e ha creato maggiori pericoli del team di Camplone. Finalmente si è riscattato Fulignati, doppio intervento salvifico, mentre sono calati tutti gli altri. Cacia ha fatto il suo ingresso in campo quando ormai il ritmo era da balera del circolo terza età ARCI, quindi non è valutabile. Il prossimo appuntamento è sabato a Terni. Il clima rimane pesante in casa bianconera, ma alcuni segnali incoraggianti sono arrivati (fonte TuttoCesena.it)

Technorati Tags: , , , , , ,

Bari-Cesena 3-0

28 agosto 2017

Stadio San Nicola, lunedì 28 agosto 2017, ore 21. Prima giornata del campionato di serie B Conte.it

BARI (4-3-3): Micai; Capradossi, Tonucci, D’Elia; Basha, Galano (19′ st Brienza), Improta (42′ st Busellato), Salzano (36′ st Furlan); Tello, Miguel, Fiamozzi. De Lucia, Berardi, Cassani, Scalera, Marrone, Morleo,Iocolano, Floro Flores, Montini. All.: Grosso.

CESENA (3-5-2): Fulignati; Perticone, Ligi, Donkor (1′ st Cascione); Eguelfi, Crimi (29′ st Sbrissa), Laribi, Vita, Kupisz; Panico, Gliozzi (18′ st Moncini). A disp.: Agliardi, Bardini, Farabegoli, Setola, Mordini, Fazzi, Maleh, Schiavone. All.: Camplone.

ARBITRO: Sacchi di Macerata.

RETI: 38′ pt Improta, 14′ st Galano, 23′ st Tonucci.

AMMONITI: Cascione, Panico.

Technorati Tags: , ,

Genoa-Cesena 2-1 d.t.s.

13 agosto 2017

Genoa, Stadio Luigi Ferraris, domenica 13 agosto 2017 ore 18,30. Terzo turno di Coppa Italia Tim.

GENOA (4-3-3): Perin; Rosi, Spolli (5′ st Biraschi), Gentiletti; Lazovic, Veloso, Bertolacci, Laxalt; Pandev (32′ st Rigoni), Simeone, Ninkovic (5′ st Taraabt). A disp.: Lamanna, Zima, Cofie, Galabinov, Palladino, Omeonga, Salcedo. All.: Juric.

CESENA (3-5-2): Fulignati; Donkor, Ligi, Perticone; Kupisz, Vita (32′ st Fazzi), Laribi (14′ st Schiavone), Crimi, Eguelfi; Gliozzi (19′ st Jallow), Panico. A disp.: Melgrati, Mordini, Cascione, Esposito, Maleh, Setola, Garattoni. All.: Camplone.

ARBITRO: Manganiello di Pinerolo.

RETI: 37′ pt Laribi (rig.), 5′ st Simeone, 5′ pts Laxalt.

AMMONITI: Gentiletti, Perticone, Laribi, Lazovic, Crimi.

È finita come previsto ma non è andata come previsto. Il Cesena ha impegnato il Genoa andando in vantaggio su rigore, costringendo i grifoni ai supplmentari e ad una rimonta grazie a due giocatori già virtualmente venduti (Simeone e Laxalt), per poi sprecare il pareggio nel finale prima con Jallow (errore clamoroso) e poi con il duo Crimi-Eguelfi. Tante le cose buone mostrate dai ragazzi di Camplone che a causa di una preparazione atletica sicuramente più severa delle media ha chiuso i supplementari letteralmente sulle gambe. C’è del buono ma guai ad illudersi: la prima sconfitta stagionale ha mostrato anche le lacune di questa squadra. A breve su TuttoCesena arriverà il punto tecnico, le pagelle in diretta dal Luigi Ferraris di Genova e le dichiarazioni dei principali protagonisti della gara.

Cesena-Sambenedettese 2-1

6 agosto 2017

Cesena, Stadio Dino Manuzzi, domenica 6 agosto 2017 ore 20,30. Secondo turno di Coppa Italia Tim.

Il rigore di Laribi (foto AC Cesena/Rega)

CESENA (3-5-2): Agliardi; Perticone, Cascione, Esposito A.; Kupisz, Crimi, Laribi, Vita (20′ st Sbrissa), Mordini; Gliozzi, Jallow (29′ st Moncini). A disp.: Melgrati, Fulginati, Panico, Donkor, Maleh, Ligi, Setola, Militari. All.: Camplone.

SAMBENEDETTESE (4-3-3): Pegorin; Di Cecco, Conson, Patti, Tomi; Gelonese (24′ st Sorrentino), Vallocchia (9′ st Bove), Damonte; Troianiello (21′ st Valente), Miracoli, Esposito V. A disp.: Raccicchini, Ceka, Miceli, Di Massimo, Di Pasquale, Rapisarada, Demofonti, Bacinovic,  Candellori. All.: Moriero.

ARBITRO: Di Martino di Teramo.

RETI: 17′ pt Laribi (rig.), 10′ st Vita, 46′ st Valente.

AMMONITI: Patti, Gliozzi, Cascione.

NOTE: Serata calda. Spettatori presenti 3.426 per un incasso di 16.705,00 €.

Lavori in corso per il Cesena di Andrea Camplone, e non potrebbe essere diversamente. Contava vincere, e il Cesena ha vinto. Contava mettere minuti nelle gambe di quelli che si sono aggregati da poco come Laribi o Cascione, quest’ultimo rientrante dall’infortunio e il Cesena lo ha fatto. Contava testare un po’ tutti i nuovi arrivati e Camplone c’è riuscito. Qualcosa ha funzionato, tanto altro è ancora da rivedere o da oliare, ma il passaggio del turno è stato assicurato grazie alle reti di Laribi e Vita. Nel finale la Samb ha meritato il gol della bandiera che si sarebbe potuto evitare con un po più di concentrazione: va bene così, certi errori fanno parte del bagaglio del mese di agosto. Ora è tempo di pensare già al Genoa, prossimo avversario del Cesena in Coppa Italia (fonte: tuttocesena.it).

Bronx Vigne in festa! Sabato 10 giugno 2017

25 maggio 2017

Bronx vigne in Festa, sabato 10 giugno 2017! Appuntamento a partire dalle 10 presso il campo sportivo “Marco Giovanardi” in via Nello Casali, di fronte alla Chiesa delle Vigne (S. Pio X)

L’evento è in collaborazione con l’associazione Arcobaleno e il Quartiere Cervese Sud.

Technorati Tags: , ,

Cesena-Hellas Verona, le curve

19 maggio 2017

Ultima di campionato in casa di un certo prestigio. Di fronte a noi 5500 Veronesi, un muro di bandiere gialloblu, davvero belli, soprattutto quando al triplice fischio hanno festeggiato la serie A conquistata con tanti cori-boato. Dobbiamo però dire che durante la partita non sono stati all’altezza del loro nome. Ci aspettavamo ben altra prestazione da loro.

Noi. Belli, ma davvero belli ieri sera…finalmente! Peccato che durante il campionato non sempre siamo stati in grado di sfoderare un tifo del genere. Cori giusti e fatti bene da tutti, a tratti seguiti dalla gradinata. Su tutti, a pochi minuti dal termine un Romagna mia di eccellenza che avranno sentito in tutta la nostra fantastica regione. Al termine del match la squadra avrebbe dovuto fare un giro di campo per salutarci, ma qualcuno ha fatto invasione perciò, per motivi di ordine pubblico è saltato tutto. Peccato che chi ha invaso sia rientrato dopo 2 minuti, che il Verona sia stato in campo a festeggiare mezz’ora e che un giocatore, con figlia al seguito sia entrato in campo. Perciò penso che siano stati altri i motivi del mancato saluto?
Ora via tutti!
Per le prossime settimane noi del Bronx saremo impegnati ad organizzare la nostra festa. Per il campionato futuro ci aggiorneremo.
Avanti Bianconeri!