Archivio di 'Campionato'

Isernia-Cesena 0-2

10 novembre 2018

Isernia, stadio Lancellotta, sabato 10 novembre 2018 ore 14,30. Undicesima giornata del girone F del campionato di Serie D.

Circa 150 tifosi bianconeri erano presenti ad Isernia (foto Cesena FC)

CESENA (4-2-3-1): Agliardi; Noce, Ciofi, Benassi, Valeri (42′ st Andreoli); De Feudis, Campagna; Capellini (37′ st Stikas), Tortori (21′ st Gori), Alessandro, Casadei (13′ st Tola). A disp.: Sarini, Cola, Bisoli, Poggi, Pastorelli. All: Angelini

ISERNIA: (3-5-2) Landi; Marino (11′ st Vitale), Di Lonardo, Frabotta; Barretta, Cacic, Gyabaa (41′ st Cristiano), Fazio, Di Matteo (45′ st Palma); Iaboni (26′ st Romano), Ciccone (11′ st Del Prete). A disp:Tano, De Chiara, Capuozzo, Russo. All: Silvo

ARBITRO: Daniele Virgilio di Trapani. Assistenti: Dell’Orco di Policoro e Signore di Venosa

RETI: 13′ pt Casadei (C), 36′ st rig. Alessandro (C).

NOTE: ammonito Benassi (C)

Il Cesena torna alla vittoria ma fallisce l’aggancio al primo posto. I bianconeri espugnano lo stadio Lancellotta di Isernia ma la capolista Matelica trova tre punti contro la Sangiustese e tiene i rivali a distanza. Per gli uomini di Angelini non è stata affatto semplice, come avrebbe potuto fare immaginare il bel gol di Casadei in apertura: le occasioni per i padroni di casa non sono mancate ma a vanificarle è quasi sempre stato Federico Agliardi. Quattro-cinque parate nel corso dei 90’ minuti che valgono tantissimo: l’acciaccato Ricciardo può ristabilirsi con calma, adesso l’autentico bomber bianconero è questo 35enne ingaggiato in tutta fretta qualche settimana fa quando la dirigenza si è resa conto che era stato un delitto escluderlo dal progetto di ripartenza. Nelle prime partite, quando è stato poco impegnato, Agliardi ha dato sicurezza a tutta la difesa, poi, come oggi, ha letteralmente portato punti risultando di gran lunga il migliore in campo. Questo significa dunque che la difesa non è stata impeccabile e anche fra centrocampo e attacco c’è stato un certo scollamento, specialmente nella ripresa, a tratti veramente scialba. Poi il guizzo di Capellini (non una delle sue giornate migliori) che è valso il rigore trasformato da Alessandro per ristabilire le distanze fra le due squadre. Distanze di valore tecnico, di prestigio e di storia calcistica ma quanto a intensità e impegno l’Isernia non ha demeritato. Anzi, ha fatto ampiamente e onestamente il suo: purtroppo per i molisani Agliardi invece si è attrezzato pure gli straordinari. (fonte: TuttoCESENA.it).

Gli altri risultati: Santarcangelo-Avezzano 1-1 (giocata ieri); Sangiustese-Matelica 2-4; Francavilla-S.Nicolò Notaresco 1-1; Jesina-Castelfidardo 2-1; Pineto-Vastese 2-1;  Recanatese-Olympia Agnonese 3-0; Savignanese-Real Giulianova 1-0; Forlì-Sammaurese 0-1 e Campobasso-Montegiorgio 2-2.

La classifica: Matelica 27, Cesena 25, S.N. Notaresco 22, Sangiustese e Recanatese 20, Francavilla 19, Savignanese 18, Sammaurese 17, Santarcangelo e Pineto 16,  Real Giulianova 13, Isernia 11, Vastese, Forlì e Jesina e Montegiorgio 10, Campobasso 8, O.Agnonese 7, Avezzano e Castelfidardo 5.

Technorati Tags: , , ,

Cesena-Recanatese 0-1

4 novembre 2018

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, domenica 4 novembre 2018 ore 14,30. Nona giornata del campionato di serie D girone F.

La Curva Mare contro la Recanatese (foto Cesena FC/Rega)


CESENA (4-2-3-1) Agliardi; Noce (23′ st Casadei), Ciofi, Benassi, Valeri; De Feudis, Gori (22′ st Tola); Campagna, Tortori, Alessandro; Ricciardo (46′ pt Capellini). A disp: Sarini, Poggi, Cola, Bisoli, Andreoli, Pastorelli. All: Angelini.

RECANATESE (4-3-3): Piangerelli; Dodi (46′ st Gambacorta), Nodari, Rutjens, Monti; Marchetti (30′ st Giaccaglia), Lunardini, Sivilla (35′ st Raparo); Olivieri (41′ st Colonna), Pera (1′ pt Palmieri), Borrelli. A disp: Sprecacè, Mataloni, Candidi, Sopranzetti. All: Alessandrini.

ARBITRO: Scarpa di Collegno. Assistenti: Pavone e Meloni.

NOTE: ammoniti Valeri (C), Nodari (R), Dodi (R), Tola (C), Rutjens (R)

RETI: Palmieri (R) 18′ st

Inatteso stop del Cesena che cade in casa contro la Recanatese. Decisivo il gol di Palmieri nella ripresa. Gli uomini di Angelini hanno attaccato a lungo, prima e dopo la rete cha ha sbloccato l’incontro ma sono sempre andati a sbattere contro il muro difensivo eretto dai marchigiani. Così è arrivato il secondo ko del campionato, il primo in casa. I ragazzi del paese di Giacomo Leopardi questa sera possono festeggiare e sentirsi orgogliosi per avere espugnato il Manuzzi mentre il Cavalluccio dovrà prima di tutto contare i danni e verificare le condizioni di bomber Ricciardo, uscito per infortunio dopo 45’, poi riflettere sui propri errori fin dalla prossima seduta di allenamento. Ora dunque, per parafrasare la celebre poesia di Leopardi, tutti a Villa Silvia (fonte: TuttoCESENA.it).

10a GIORNATA Avezzano-Francavilla 1-1; Castelfidardo-Forlì 1-1; Montegiorgio-Jesina 0-0; Olympia Agnonese-Sangiustese 0-0; Pineto-Isernia 1-0; Cesena FC-Recanatese 0-1; Real Giulianova-Santarcangelo 2-1; San Nicola Notaresco-Campobasso 2-0; Sammaurese-Matelica 1-0; Vastese-Savignanese 2-0. 

CLASSIFICA Matelica 24; Cesena 22; San Nicola Notaresco 21; Sangiustese 20; Francavilla 18; Recanatese 17; Santarcangelo e Savignanese 15; Sammaurese 14; Pineto e Real Giulianova 13; Isernia 11; Forlì e Vastese 10; Montegiorgio 9; Olympia Agnonese, Jesina e Campobasso 7; Castelfidardo 5; Avezzano 4.

Technorati Tags: , , , , , , ,

Jesina-Cesena 0-2

28 ottobre 2018

Jesi, stadio comunale Pacifico Carlotti, domenica 28 ottobre 2018 ore 14,30. Ottava giornata del campionato di serie D girone F.

Cesenati al Carlotti (Foto Cesena FC/Rega)

JESINA (4-3-3) David; Fracassini, Riccio, Nonni, Pasqualini; Magnanelli (23′ st Bordo), Ceccuzzi, (23′ st Ricci) Yabré; Parasecoli (39′ st Zannini), Bubalo, Cameruccio (47′ st Sassaroli). A disp: Anconetani, Martedì, Capone, Sassaroli, Giovannini, Pierandrei. All: Ciampelli.

CESENA (4-3-3): Agliardi; Noce, Cola, Benassi (34′ st Stikas), Valeri; Campagna, Biondini (40′ st Gori), Andreoli (23′ st Casadei); Tortori (30′ st Capellini), Ricciardo, Alessandro (30′ st De Feudis). A disp.: Sarini, Poggi, Tola, Pastorelli. All.: Angelini

ARBITRO Emilio Zanotti di Pavia. ASSISTENTI Di Maio di Molfetta e Petracca di Lecce.

NOTE: ammoniti Valeri (C), Nonni (J), Benassi (C), Cameruccio (J). Espulso Bubalo (J) al 3′ st 

RETI: 10′ st Noce (C), 29′ st Casadei (C)

Il Cesena supera la Jesina di laurea. Dopo un primo tempo difficile, in cui è tenuta in partita dalle parate di Agliardi, la squadra di Angelini esplode nella ripresa, grazie anche all’ingenua espulsione dell’irruento croato Bubalo tra i marchigiani. Come contro il Forlì la superiorità cambia la partita. Ne approfitta subito Noce che sblocca il risultato con un gran colpo di testa su angolo di Alessandro. A mettere il risultato in ghiaccio ci pensa il giovane Casadei con una rete meravigliosa: 50 metri palla al piede. Quarta vittoria di fila. Quarta partita senza subire goal. Avanti così.

Gli altri risultati: Forlì-O-Agnonese 1-2; Matelica-San Nicolò Notaresco 3-2; Campobasso-Pineto 0-3; Isernia-Vastese 1-0;  Francavilla-Sammaurese 4-0;  Recanatese-Real Giulianova 1-0; Sangiustese-Avezzano 1-1;  Santarcangelo-Castelfidardo 0-0 ​​​​​; Savignanese-Montegiorgio 2-1.

La classificaMatelica 24, Cesena 22, Sangiustese 19, San Nicolò 18, Francavilla 17, Santarcangelo e Savignanese 15, Recanatese 14, Sammaurese e Isernia 11, Pineto e Real Giulianova 10, Forlì 9, Montegiorgio 8, Vastese e Campobasso 7, O. Agnonese e Jesina 6, Castelfidardo 4, Avezzano 3.

Fonte TuttoCesena.it

Technorati Tags: , , , , , ,

Cesena-Forlì 1-0

25 ottobre 2018

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, mercoledì 24 ottobre 2018, ore 20.45. Ottava giornata del campionato di Serie D, Girone F.

Esultanza (foto Cesena FC/Rega)

CESENA (4-2-3-1) Agliardi; Noce (25′ st Poggi), Benassi, Ciofi, Valeri; Campagna (31′ st Andreoli), De Feudis; Tola (12′ st Capellini), Tortori (38′ st Gori), Alessandro (46′ st Cola); Ricciardo. A disp: Sarini, Pastorelli, Casadei, Bisoli. All: Angelini

FORLI’ (4-4-2) Mordenti; Nigretti (37′ st Castellani), Vesi (31′ st Prati), Brunetti (1′ st Gabrielli), Gimelli (31′ st Valerio); Croci, Sabbioni, Baldinini, Tonelli; Ambrosini, Graziani (10′ st Cortesi). A disp: Semprini, Ferri, Fedele, Cenci. All: Campedelli

ARBITRO: Simone Piazzini di Prato. Assistenti: Brizioli e D’Angelo di Perugia.

NOTE: ammoniti Tonelli (F), De Feudis (C), Tola (C), Campagna (C), Tortori (C), Ciofi (C). Espulsi: Tonelli (F) al 2′ st, Ciofi (C) al 45′ st e Baldinini (F) al 50’ st.

RETE: 35′ st Ricciardo (C)

Nel posticipo serale il Cesena fa suo il derby con il Forlì e sale al secondo posto in classifica ma non è stato facile e scontato come sembrava. I Galletti danno filo da torcere ai padroni di casa e neanche l’espulsione (generosa, va detto) di Tonelli avvenuta a inizio ripresa facilita il compito del Cavalluccio. Gli uomini di Angelini devono darsi parecchio da fare per sbloccare il risultato. La rete vincente giunge solo a dieci minuti dal termine grazie a un gran colpo di testa del bomber Ricciardo, ben servito da Alessandro dopo uno scambio con Capellini. Precedentemente i bianconeri ci avevano provato con tutti i mezzi: anche una mischia furibonda aveva negato la gioia del gol al Cesena. Poi, quando la strada sembra finalmente in discesa, arriva l’ingenuità di Ciofi che, già ammonito, trattiene un avversario. Ristabilita la parità numerica ci si attende l’assalto dei biancorossi nel maxirecupero finale ma gli uomini di Campedelli, evidentemente, avevano già dato tutto e Agliardi (comunque protagonista di un paio di pregevoli interventi) non corre pericoli. Non è stata una passeggiata ma alla fine sono arrivati i tre punti. Onore al Forlì che ha tenuto bene il campo e ha provato pure a vincere mettendo in mostra orgoglio, determinazione e buone capacità tattiche (fonte TUTTOCesena.it).

Technorati Tags: , , , , , , ,

Grazie, Nicola

22 ottobre 2018

Quando il Cesena vince, noi siamo felici. Quando il Cesena vince (anche) con un gol di un ragazzo nato e cresciuto alle Vigne come Nicola Capellini, noi siamo ancora più felici.

Capellini gol (foto Cesena FC/Rega)

Sappiamo quanto questa stagione sia importante per te, Nicola, e tu sai quanto lo sia per noi. Questo gol lo avevi cercato sin dalla prima giornata, lo avevi più volte sfiorato e sabato è finalmente arrivato. Ma sarà un punto di partenza, non d’arrivo, ne siamo certi.

Per il momento ci godiamo questa rete, i tre punti e soprattutto la tua professionalità che ti sta portando a mettere l’interesse della squadra persino davanti a quello personale. Meriteresti sicuramene una maglia da titolare ma, si sa, il calcio è anche questo e non è momento per fare polemiche. Continueremo a sostenerti, continueremo a tifare per uno di noi e tu continuerai a ripagarci così.

Forza (e grazie) Nicola!

Technorati Tags: , , , ,

Santarcangelo-Cesena 0-4

20 ottobre 2018

Santarcangelo, stadio Valentino Mazzola, sabato 20 ottobre 2018 ore 15. Settima giornata del campionato di serie D, girone F.

La rovesciata di Ricciardo (foto Cesena FC?Rega)

CESENA (4-2-3-1) Agliardi; Noce, Ciofi, Benassi, Valeri (27′ st Andreoli); Tola, De Feudis (31′ st Gori); Campagna (25′ st Poggi), Tortori, Alessandro (29′ st Casadei); Ricciardo (19′ st Capellini). A disp: Sarini, Cola, Pastorelli, Bisoli. All: Angelini

SANTARCANGELO (4-2-3-1) Battistini; Corvino (40′ st Aristei), Maini, Bondioli, Broli (22′ st Guidi); Cascione, Dhamo (40′ Pigozzi); Peroni (20′ st Fuchi), Galeotti (7′ st Mancini), Cinque; Falomi. A disp: Moscatelli, Guglielmi, Fusi, Nasini. All: Galloppa

ARBITRO: Stefano Campagnolo di Bassano del Grappa. Assistenti: Colonna e Marchetti.

RETI: 13′ pt Ricciardo (C), 33′ pt Ricciardo (C), 45′ pt Ricciardo (C), 24′ st Capellini (C)

NOTE: ammoniti Cascione (S), Campagna (C)

Il poker al Santarcangelo dimostra che questo Cesena non è un bluff. Dopo la squillante vittoria sul Francavilla arriva un ancor più convincente successo nel derby del Mazzola. Il Santarcangelo è spazzato via (con rovesciata da magic moments) già nel primo tempo dalla tripletta di Ricciardo. Nella ripresa il Cavalluccio bada soprattutto ad amministrare concedendosi qualche accelerata ogni tanto come ad esempio quella che porta al gol di Capellini. Se il risultato è del tutto merito del Cesena o in qualche modo è stato favorito dalle lacune del Santarcangelo, sarà solo il tempo a dirlo. Quel che è certo è che oggi in avanti si è vista un’ottima intesa fra Tortori, Alessandro e Ricciardo. Il primo corre molto e fa il lavoro sporco, il secondo suggerisce, il terzo finalizza ma i ruoli sono interscambiabili.  Buona anche la prova di Tola al posto dello squalificato Biondini. I presupposti per guardare al futuro con ottimismo, anche se le dirette rivali alla promozione hanno vinto, ci sono tutti.

Technorati Tags: , , , , ,

Cesena-Francavilla 2-0

14 ottobre 2018

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, domenica 14 ottobre 2018 ore 15. Sesta giornata del campionato di serie D Girone F.

Uniti risorgeremo, la coreografia della Mare. (Foto Rega/Cesena FC)

CESENA (4-2-3-1) Agliardi; Noce, Ciofi, Benassi, Valeri; Biondini, De Feudis; Campagna, Tortori (16′ st Zamagni, 38′ st Tola), Alessandro; Ricciardo (25′ st Capellini). A disp: Sarini, Poggi, Cola, Gori, Pastorelli, Casadei. All: Angelini

FRANCAVILLA (4-3-3) Spacca (11′ st Spataro); Coulibaly (39′ pt A. Di Renzo), Nazari, Bosco (36′ Molenda), Sanseverino; Mele, Bedin (28′ st Sanchez), Palumbo; Banegas, Cruz, Paravati (11′ st De Costanzo). A disp: Bellanca, Di Pinto, Di Renzo A., Gallo, Di Renzo S. All: Rachini

ARBITRO: Mattia Caldera di Como. Assistenti: Conti di Lecco e Torri di Como.

NOTE: ammoniti Coulibaly, Bosco (F), Alessandro (C). Esplulsi: Biondini (C), Molenda (F). 

RETI: 15′ st Alessandro (C), 42′ st Alessandro (C) su calcio di rigore 

L’altoparlante manda “Romagna capitale” a palla. I ragazzi festeggiano sotto la Mare, il Manuzzi è un trionfo di bianconero: il ritorno del Cesena a casa non poteva essere più dolce. Il Francavilla è battuto con un perentorio 2-0. Una delle rivali più accreditate per la promozione cade nel rinnovato fortino bianconero. Degli ospiti si ricorda solo un tiro ben deviato dal rientrante Agliardi, poi tanta organizzazione e manovra ma pericolosità pochina. Il Cavalluccio invece si esalta in 10 contro 11: l’espulsione di Biondini non penalizza gli uomini di Anegelini. Anzi. La svolta è subito, ad inizio ripresa. I bianconeri rientrano in campo con determinazione e pigiano subito sull’acceleratore. Dopo una traversa colpita da Tortori arriva la magia di Alessandro. A quel punto il Cesena rifiata un po’ e concede qualche metro agli ospiti. Che però non pungono e, anzi, vengono castigati in contropiede grazie a una percussione di Valeri (ne farà strada questo ragazzo): il numero 3 bianconero viene steso in area. Rigore ed espulsione. Ristabilita la parità numerica, Alessandro si presenta sul dischetto e spiazza il portiere. Nel finale Tola sfiora pure il tris. Ottime notizie anche dagli altri campi: la capolista San Nicolò è caduta in casa per mano della Savignanese. Meglio di così non poteva andare: Perfect day, come diceva il Tale, o quasi. Perchè l’unica brutta notizia di giornata è l’infortunio di Zammarchi che, secondo Angelini, starà fuori a lungo: “È uno stiramento o uno strappo”, ha spiegato il tecnico bianconero (Fonte: TuttoCESENA).

ALTRI RISULTATI: Castelfidardo-Sammaurese 0-1; Campobasso-Recanatese 0-0; Isernia-Jesina 1-0; Montegiorgio-Sangiustese 1-2; O. Agnonese-Avezzano 1-1; Pineto-Santarcangelo 1-0; R. Giulianova-Matelica 1-2; San Nicolò Notaresco-Savignanese 1-2; Vastese-Forlì 1-1.

CLASSIFICA: San Nicolò Notaresco, Matelica 15; Sangiustese 14; Cesena, Santarcangelo 13; Francavilla, Savignanese 10; Giulianova, Montegiorgio, Isernia, Forlì 8; Sammaurese, Recanatese 7; Jesina, Pineto 5; Campobasso, O. Agnonese, Vastese 3, Castelfidardo 2, Avezzano 1. 

Technorati Tags: , , ,

Santagiustese-Cesena 2-2

6 ottobre 2018

Monte San Giusto, Stadio Villa San Filippo, sabato 6 ottobre 2018 ore 15. Quinta giornata del campionato di serie D, girone F.

Ricciardo dopo il gol (foto Rega/Cesena FC)

SANTAGIUSTESE: Chiodini, Marfella, Santagata, Perfetti, Patrizi, Moracci (26′ st Pluchino), Pezzotti (18′ st Herrea), Scognamilgio, Cheddira (33′ st Laringe), Camillucci, Argento (8′ st Tizi). A disp.: Carnevali, Armellini, Calamita, Shiba, Buaka. All.: Senigalesi.

CESENA (4-2-3-1): Sarini; Zamagni, Ciofi (28′ st Cola), Stikas, Valeri; Gori (26′ st Tola), De Feudis (41′ st Bisoli); Campagna, Tortori (38′ st Capellini)., Alessandro (28′ st Andreoli); Ricciardo. A disp.: West, Poggi, Pastorelli, Casadei. All.: Angelini.

ARBITRO: Costanza di Agrigento.

RETI: 4′ pt Scognamiglio, 18′ pt Ricciardo, 43′ pt Valeri, 40′ st Herrera.

AMMONITI: Pluchino, Scognamiglio. 

Da qui a fine campionato il compito di Angelini è chiarissimo: il tecnico del Cesena dovrà lavorare sulla condizione fisica e, insieme al collaboratore tecnico Davor Jozic, sulla gestione della fase difensiva. Il Cesena in qualche modo chiude il primo tempo in vantaggio di una rete dopo aver ribaltato lo svantaggio iniziale (clamoroso regalo della difesa bianconera). Sfiora il tris (annullato per fuorigioco impossibile da verificare con l’unica telecamera a dispozione) e lentamente finisce la benzina. Iniziano i crampi per tantissimi giocatori e mentre la Sangiustese con le cinque sostituzioni torna a spingere tantissimo, il Cesena si abbassa e si chiude in arrocco. Quando mancano appena cinque minuti al 90′ ecco che un tiro da 40 metri di Perfetti si stampa sulla traversa e si trasforma in terrore puro per i difensori bianconeri. La sfera scotta, manca l’esperienza e soprattutto la guida per gestire una situazione non semplice ma nemmeno impossibile e il neo entrato Herrera conquista il rimbalzo e mette in rete. Gol da polli, come tutti e 4 quelli fin qui presi dal Cesena. Da Avezzano ad oggi passando per Matelica i gol subiti dal Cesena sono sempre frutto di elementari errori della retroguardia: a questo punto non è più un caso ed è urgente iniziare a lavorare su questo aspetto con più continuità. Appuntamento tra 8 giorni per la prima stagionale al Dino Manuzzi Orogel Stadium: gli ultras sono al lavoro per una speciale coreografia (fonte TUTTOCesena.it).

Technorati Tags: , , , ,

Cesena-Sammaurese 4-0

30 settembre 2018

Forlì, stadio Morgagni, domenica 30 settembre 2018 ore 15. Quarta giornata del campionato di Serie D, Girone F.

Cesenati al Morgagni (foto Rega/Fc Cesena)

CESENA (4-2-3-1): Sarini; Zamagni, Ciofi, Stikas, Valeri; Biondini (73′ Tola), De Feudis (64′ Andreoli) Campagna (69′ Pastorelli), Tortori (73′ Capellini), Alessandro; Ricciardo (55′ Gori).
A disp.: West, Poggi, Cola, Casadei. All.: Angelini

SAMMAURESE (4-3-3): Baldassarri; Paterni, Lombardi N. (46′ Maioli), Rosini, Soumahin; Merciari (46′ Toromani), Errico, Scarponi; Bonandi (75′ st Santoni), Zuppardo, Louati (71′ Alfonsi).
A disp.: Hysa, Salvi, Lombardi L., Maggioli, Filippucci. All. Mastronicola

ARBITRO: Michele Delrio di Reggio Emilia. Assistenti:  Massimo Abagnale e Gianluca Maldini di Parma

RETI: 23′ e 27′, Stikas, 34′ e 40′ Ricciardo

AMMONITI: 59′ Errico, 70′ Maioli

NOTE: spettatori 2.516, incasso 15.410 euro

Accade tutto nel primo tempo: doppio Stikas, doppio Ricciardo e tutti a casa. La Sammaurese non è in grado di impensierire il Cesena e lo si vede soprattutto nel secondo tempo quando i bianconeri sono sazi e giocano in tranquillità senza però subire granché. Ottime le trame offensive viste anche contro l’Olympia Agnonese, un po’ meno l’intesa Sarini-retroguardia; Forse è proprio il portiere ’99 ad essere il più in ombra dei suoi. Ottime invece le prove di Ciofi e De Feudis, oltre ai bomber di giornata Ricciardo e Stikas. Adesso il Cesena è atteso a Monte San Giusto (sabato 6/10) prima di tornare a calcare il nuovo Manuzzi fra due settimane esatte (fonte TUTTOCesena.it).  

Technorati Tags: , , , , , ,

Matelica-Cesena 1-0

26 settembre 2018

Matelica, campo sportivo Giovanni Paolo II, mercoledì 26 settembre ore 15. Terza giornata del campionato di Serie D girone F.

Il nostro Capellini a Matelica (foto FC Cesena/Rega)

CESENA (4-2-3-1) Sarini; Ciofi, Cola, Stikas, Valeri; Biondini, De Feudis; Campagna (9′ Poggi), Alessandro, Tortori (31′ st Capellini); Ricciardo (21′ st Tola). A disp: West, Zamagni, Andreoli, Gori, Pastorelli, Casadei: All. Angelini

MATELICA (4-2-3-1) Avella; Arapi, Riccio, De Santis, De Marco (28′ st Pignat); Benedetti, Bugaro (19′ st Franchi); Favo, Fioretti (12′ st Melandri), Margarita (38′ st Dorato); Bittaye (45′ Visconti). A disp: Luglio, Cuccato, De Luca, Santeramo, Angelilli, Boubacar.  All: Tiozzo. 

ARBITRO: Luca Zucchetti di Foligno. Assistenti: Cravotta di Città di Castello e Toce di Firenze.

NOTE: ammoniti Cola (C), De Marco (M), Tortori (C), Ricciardo (C), De Feudis (C)

RETE: Franchi (M) al 50′ st

Beffati all’ultimo secondo su un capovolgimento di fronte che non si dovrebbe vedere neanche in questa categoria, tra i dilettanti. Al limite in un incontro fra scapoli e ammogliati. Finisce così la trasferta di Matelica per il Cesena. Nel peggiore dei modi. Con una sconfitta che appare una punizione eccessiva. Pesante. Il pari probabilmente sarebbe stato più giusto: vero che il Cavalluccio non ha praticamente mai tirato in porta ma i marchigiani hanno fatto poco di più pur lasciando intravedere una buona personalità, qualche trama di gioco e discrete individualità. Un ko che deve servire come bagno di umiltà dopo i sei punti in avvio di campionato: i bianconeri devono ancora prendere le misure con la Serie D e qualche incidente di percorso ci sta. Spiace solo la modalità con cui si è arrivati a questo risultato: quei palloni andrebbero gestiti molto meglio, lo insegnano già nelle scuole calcio (fonte: TuttoCESENA.it).

Technorati Tags: , , ,