Cesena-Pescara 4-2

Cesena, Orogel Stadium Dino Manuzzi, venerdì 8 dicembre 2017 ore 18,30. Diciottesima giornata di campionato Serie B Conte.it

La Curva Mare col Pescara (Foto AC Cesena/Rega)

CESENA (4-4-1-1) Fulignati; Donkor, Esposito, Scognamiglio, Perticone (34′ st Moncini); Vita (15′ st Fazzi), Kone, Di Noia (20′ st Sbrissa), Dalmonte; Laribi; Jallow. A disp: Agliardi, Melgrati, Mordini, Cascione, Gliozzi, Panico, Maleh, Setola, Rigione. All: Castori.
PESCARA (4-3-3) Fiorillo; Zampano, Coda (34′ st Stendardo), Fornasier, Mazzotta; Valzania, Carraro, Brugman; Del Sole (38′ st Mancuso), Pettinari, Benali. A disp: Antonino, Crescenzi, Elizalde, Mazzotta, Kanouté, Baez, Cappelluzzo. All: Zeman.
ARBITRO Nasca di Bari. Assistenti: Formato di Benevento e Capaldo di Napoli. Quarto ufficiale: Piscopo di Imperia.

RETI: 17′ st Benali (P), 28′ st Jallow (C), 31′ st Pettinari (P), 36′ st Moncini (C), 42′ st Moncini (C), 50′ st Donkor (C)

NOTE: ammoniti Kone (C), Sbrissa (C), Fornasier (P), Benali (P), Fazzi (C). Espulso Valzania (P).

C’era una volta il Cesena, quello delle grandi rimonte, quello che non mollava mai, quello del 3-3 con la Fiorentina in Serie A. Ai tempi di Edmeo, ricordate? C’era una volta e c’è ancora, per fortuna. Anzi, fa persino meglio. Questa sera abbiamo assistito ad una partita spettacolare che rischia di essere il punto di svolta del campionato dei bianconeri e che sarà ricordata per anni. Due volte sotto, due volte capace di recuperare e poi di sorpassare e doppiare l’avversario. La migliore prestazione stagionale del Cavalluccio, senza dubbio. E pensare che era stato il Pescara a condurre le danze ad inizio ripresa e solo uno straordinario Fulignati aveva tenuto a galla i bianconeri. Poi è successo tutto in rapida successione, roba da perdere il fiato: il botta e risposta tra Benali e Jallow, il nuovo allungo abruzzese con Pettinari; e il cambio giusto, l’ennesimo miracolo di mister Castori. Fuori Perticone per Moncini con l’attaccante toscano che alla prima palla pareggia il match dopo il solito colpo di testa di Scognamiglio. Il ragazzino che si è fatto le ossa in C tocca la seconda e solo uno splendido Fiorillo gli nega la rete dopo un colpo di testa in tuffo di rara bellezza. Ma quella che è arriva poco dopo è ancora migliore: una mezzarovesciata al volo da farci un poster e attaccarlo in camera. A questo punto al Pescara saltano pure i nervi, l’ex Valzania si fa espellere e Donkor ha il tempo di mettere la ciliegina sulla torta con un’altra rete di ottima fattura. La classifica ora sorride veramente, mister Castori ha rivoluzionato questa squadra in pochi mesi. Dove possono arrivare i bianconeri? Boh! Stasera non è tempo di calcoli o previsioni, lasciateci fare festa e nel giorno in cui si ricorda l’omicidio di John Lennon permetteteci di regalare all’impresa di questi ragazzi un titolo che celebra i Beatles assieme ai 4 gol: The Fab Fuor. “Fab” potete intenderlo anche come Fabrizio, nessuno si offenderà…

Technorati Tags: , , , ,